Esperienza nel Connecticut – Confratute 2017 – 1 parte

Quasi due anni fa cercando in rete materiale formativo sui gifted, incontrai virtualmente l’emerito Prof. Renzulli del Connecticut, di origini italo-americane che già negli anni settanta parlava di giftedness e di una nuova visione di scuola dove i protagonisti dell’apprendimento erano decisamente i ragazzi, i loro desideri e i loro interessi.

All’epoca mi sembrava quasi un sogno poter accedere al materiale dell’università del Connecticut, nacque in me il desiderio di conoscere questa splendida persona che aveva speso tutta la vita per lo sviluppo del talento.

Scrissi subito al professore ma non ricevetti nessuna risposta. Seppi poi che il sito si stava innovando proprio quella estate per cui molto probabilmente non avevano ricevuto la mia mail.
Intanto continuai a seguire gli articoli e i video su youtube che trattavano la pedagogia di Renzulli e la Neag school of Education del Connecticut occupandosi da ben quasi 40 anni dello sviluppo del Talento e della Creatività nel mondo della scuola.

Nella mia scuola mi occupo di bambini plusdotati dall’Infanzia alla Scuola Secondaria di primo grado, e nell’anno scolastico 2016/2017 dopo aver organizzato insieme ai genitori dei miei alunni gifted una conferenza con la Prof.Zanetti direttrice del labtalento dell’università di Pavia con ospite la prof.ssa Fastame dell’università di psicologia di Cagliari, venni a conoscenza che il prof.Renzulli sarebbe stato a Pavia per una conferenza internazionale sulla scuola come luogo di sviluppo del talento.

Con immensa gioia partecipai alla conferenza insieme ad un gruppo di famiglie dei ragazzi plusdotati con cui collaboravo da tempo e quando incontrai il prof.Renzulli e la moglie Sally Reis fui invitata nel Connecticut alla 40°ma Confratute per un approfondimento di tutte le tematiche relative allo sviluppo del talento.

Naturalmente ricambiai l’invito e ora il prossimo autunno la coppia di psicologi più famosa al mondo sarà a Cagliari per aiutarci in questa meravigliosa avventura non solo alla scoperta del talento, ma senz’altro per una scuola più inclusiva e coinvolgente per tutti gli studenti.

L’esperienza nel Connecticut a contatto con 500 insegnanti provenienti da tutti gli Stati Uniti d’America e vari paesi dell’Asia e dell’Europa è senz’altro un’esperienza che ha dato un input positivo alla mia vita sia dal punto di vista umano che professionale.

Difficile riassumere in poche righe la ricchezza del programma offerto dall’UConn University nel Connecticut dal 9 al 14 luglio 2017 vissuti intensamente per la gioia di riscoprirsi ancora una volta ‘studenti’ che non finiscono mai di imparare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × due =

59 − 52 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.